metodo konmari declutter

Conosci il metodo Konmari?

Posted on Posted in Organizzazione

Questa estate, spinta dalla curiosità sul metodo Konmari, che promette di semplificare e organizzare la casa una volta per tutte, ho letto i due libri della giapponese Marie Kondo: “Il magico potere del riordino” e “96 lezioni di felicità“.
Lo ammetto: all’introduzione ero scettica. Ma alla fine… mi ha fatto guardare il declutteringe da una prospettiva completamente diversa.

Non sono manuali che ti dicono “butta quello, tieni questo”, oppure “inizia da una stanza e passa a questa, poi questa,… ” o che propongono un approccio “poco alla volta”.
No. L’aspetto essenziale del metodo Konmari è l’esercizio di auto riflessione che si deve fare a priori.
E come una magia, avviene un sottile cambiamento di mentalità in grado di creare un cambiamento di prospettiva.

Facciamo un passo indietro e partiamo dal concetto di base: la tua casa è viva. E’ creata con la tua stessa energia e riflette la tua vita. Chiediti: come ti vuoi sentire a casa? E perché?
Una volta che hai risposto a questa domanda puoi iniziare.

Diamo un’occhiata insieme ad alcuni principi enunciati in quello che è conosciuto come il metodo Konmari:

1. Organizza categoria per categoria

“Mettere in ordine una stanza alla volta è un errore fatale.” -Marie Kondo

Questo è stato un concetto che mi ha destabilizzata. Ogni volta che iniziavo a riorganizzare, iniziavo ad affrontare il lavoro una stanza alla volta. Invece il metodo Konmari dice di raccogliere le cose per tipologie e ordinare tutto in una volta.
I vestiti sono la prima categoria ad essere organizzata: raccogli ogni singolo indumento in casa, fai una pila sul pavimento, e inizia a decidere se tenerlo o no. Finita la prima categoria, passa alla seconda (sì, c’è un ordine preciso!).
L’idea alla base di questo metodo è che, facendo tutto in una sola volta, ti puoi permettere di vedere tutto quello che hai e prendere decisioni migliori su cosa tenere.

2. Irradia felicità?

“Tieni solo quelle cose che parlano al tuo cuore. Poi fai il grande passo e scarta tutto il resto.” -Marie Kondo

Come decidere cosa tenere? In passato ho sempre usato la formula “cosa ho usato nell’ultimo anno?”, ma il metodo Konmari utilizza un’altra strategia: si dovrebbero tenere solo le cose che “irradiano felicità.
Ma non puoi decidere per le cose altrui, solo le tue. (Vuoi sbarazzarti delle cose di marito e figli? Non stavolta!!)
Questo metodo di scelta mi piace ma penso anche che molte delle cose che ho sono pratiche e funzionali anche se non mi piacciono. E non ho intenzione di sostituirle per il momento.
Nel complesso, però, l’idea di essere circondata da sole cose che ami è emozionante. Sarebbe bello ponderare tutti i prossimi acquisti su questo metodo.

Un avvertimento

C’è una bella differenza culturale, che è evidente in tutti i libri: un modo di pensare puramente orientale.
Ad esempio, quando si ringrazia i vari capi d’abbigliamento per il lavoro potrebbe venirti da ridere, ma ragiona sull’idea di essere grati per quello che abbiamo. Ha più senso, vero? Anche il prendersi cura di quelle cose ha assolutamente senso.
Così, al posto di parlare con i calzini iniziamo a ragionare sul fatto che di solito diamo per scontato molte cose.

E adesso?

Sarò onesta. Questi libri sono un po’ intimidatori. Belli da leggere, ti fomentano ma sono difficili da mettere in pratica.
Perché? Bhè, a volte è difficile lasciar andare le cose, specie le cose legate al passato.
Ma per creare un reale cambiamento nella tua vita puoi iniziare o con te stessa o dalla tua casa. Basta che inizi da qualche parte 😉

E tu hai mai provato il metodo Konmari? Quali sono i tuoi pensieri?

xoxo
Arianna

Facebooktwittergoogle_plusmail Se ti è piaciuto il post, condividilo!

One thought on “Conosci il metodo Konmari?

Leave a Reply