multitasker

Bisogna proprio essere mamme multitasker?

Posted on Posted in Organizzazione

Cecilia spesso mi dice “Mamma, puoi essere un multitasker” quando le dico che devo lavorare.
E ha ragione, posso essere un multitasker.
Posso scrivere un post per il blog mentre la guardo costruire con i Lego nel salotto, come per questo post. Oppure posso parlare al telefono, cucinare la cena e mettere anche a posto.
Come mamme, siamo spesso costrette ad essere multitasking, e possiamo diventare anche molto brave in ​​determinate situazioni.

Tuttavia, penso ci sia una grande idea sbagliata nel multitasking.
E’ davvero il modo più efficace per fare le cose?
Per definizione stiamo facendo più cose allo stesso tempo, quindi dividiamo la nostra attenzione. A causa di ciò, non possiamo fare molto bene queste cose. Quindi il multitasking potrebbe non essere sempre efficace.

Le realtà dell’essere un multitasker

Cosa insegno alle mie figlie? A fare molte cose (troppe cose) in una sola volta?
Il multitasking è qualcosa che ti permette di essere produttivo, è vero, ma non sono così sicura che questa sia una buona lezione.

Devo per forza essere un multitasker?
A volte sì e ci riesco per bene. A volte finisco per non combinare un bel niente. Quando si tratta di lavorare, faccio multitasking? Non ne sono così sicura.
Mentre spesso penso di essere in grado di fare molte cose contemporaneamente, altre volte mi sento divisa e sotto pressione.
Sì, a volte faccio multitasking, ma ho capito che in realtà spesso sto semplicemente spostando la mia attenzione su una singola attività per un breve periodo di tempo. E poi passo a qualcosa di diverso.
È una differenza sottile ma importante, specie se pensi di essere un multitasker.

E penso la chiave per essere un multitasker migliore sia solo rendersi conto che non possiamo effettivamente beneficiare del multitasking sempre. Quindi dobbiamo utilizzare task più brevi e concentrarci su focus singolari.

xoxo
Arianna

Facebooktwittergoogle_plusmail Se ti è piaciuto il post, condividilo!

Leave a Reply